Nuovo asilo di Norcia per terremotati

B-norcia

La prima opera post-sisma realizzata in tempi record grazie a Casa Alessia. E’ quanto accaduto a Norcia dopo il terribile sisma del 30 ottobre 2016. La splendida località umbra aveva visto il centro storico trasformarsi in zona rossa cioè non accessibile. Tra le molte strutture distrutte anche la scuola dell’infanzia, totalmente inagibile. Così è partita una gara di solidarietà che ha coinvolto Casa Alessia, Mission Bambini e l’azienda altotesina Rubner Haus per la realizzazione di un nuovo asilo.

norcia-asiloIl 22 dicembre 2016 è stata inaugurata la nuova struttura antisismica destinata a scuola dell’infanzia: un prefabbricato di 185 mq in legno lamellare antisismico fino all’ottavo grado Richter.

La nostra onlus si è attivata già dai giorni successivi alla prima scossa per raccogliere fondi da destinare a un progetto concreto a favore dei bambini. Abbiamo subito destinato una somma che è cresciuta grazie alla raccolta da noi lanciata raggiungendo circa 68mila euro.  Tale importo è stato interamente utilizzato per pagare la posa di uno dei moduli dell’asilo e per l’acquisto delle attrezzature della cucina. A coinvolgere l’associazione è stata la madrina, Catia Polidori.

Proprio l’onorevole Polidori, in una seduta parlamentare dedicata agli interventi urgenti a favore di quanti colpiti da terremoto, ha sottolineato l’impegno profuso dai due enti di volontariato per la ricostruzione. «E’ simbolo importante non tanto per la scuola in sé per sé, ma perché a Norcia manca un luogo dove bambini possano stare insieme, apprendere e consumare pasti caldi adatti a loro». Il sindaco di Norcia, Nicola Alemanno ha espresso gratitudine per i donatori e si è detto emozionato nel tornare a sentire le voci dei bambini all’interno di questa scuola che rappresenta per la comunità il primo vero grande segnale di ritorno alla normalità. Grazie ad Alessia più di 50 bambini possono riprendere le attività e sperare in un futuro migliore.