Le email di Alessia

Alessia Mairati, durante la sua permanenza in Ecuador, inviava alla famiglia delle mail dove raccontava le giornate vissute, le esperienze, le nuove amicizie, la povertà del Paese sudamericano, le differenze con l’occidente e il desiderio di voler fare qualcosa di concreto al suo rientro.

Per Giovanni Mairati, papà di Alessia e presidente dell’associazione  «Le email di Alessia sono diventate per me un testamento morale che voglio e devo onorare. Tutto quello che da quel momento in poi avrei fatto sarebbe stato in nome e per conto di mia figlia».

Mail del 16 settembre 2003: L'Ecuador
Mail del 18 settembre 2003: W l'Ecuador
Mail del 22 settembre 2003: Lievito per pizza in arrivo
Mail del 24 settembre 2003
Mail del 25 settembre 2003: Poemi… guarda, guarda
Mail del 11 novembre 2003: ……………….
Mail del 13 novembre 2003: Hola
Mail del 22 novembre 2003: Hooolaaaaaaaaaa
Mail del 1 dicembre 2003: Hola!!!
Mail del 4 dicembre 2003: Un'altra noiosa mail collettiva
Mail del 4 dicembre 2003: La fiesta de Quito
Mail del 5 dicembre 2003: Ai miei
Mail del 5 dicembre 2003: Ristorante piemontese
Mail del 22 dicembre 2003: Ecuatoriana
Mail del 24 dicembre 2003: ….
Mail del 27 dicembre 2003: ……………..
Mail del 31 dicembre 2003: Buon Anno???
Mail del 6 gennaio 2004: …..
Mail del 7 gennaio 2004: Hola Papito Lindo
Mail del 13 gennaio 2004: …La depressione...
Mail del 16 gennaio 2004: Al mio Papi chulo
Mail del 19 febbraio 2004: L'Ecuador
Mail del 25 febbraio 2004: …La Playa...
Mail del 09 marzo 2004: Al mio uomo preferito
Mail del 15 marzo 2004: San Gabriel (…Mercoledì vado in Colombia)
Mail del 19 marzo 2004: Smack
Mail del 25 aprile 2004: ...